Azienda Agricola 2017-07-20T14:53:39+00:00

Azienda agricola ed accesso alla L 3 2012

L’azienda agricola in crisi  può ricorrere alla L 3 2012. Anche l’imprenditore agricolo può infatti essere di fronte a uno squilibrio finanziario che rende difficoltosa la prosecuzione dell’attività.

Come per le altre imprese, la normativa apre la possibilità di avere accesso a due procedure: il piano di composizione della crisi ed il piano di liquidazione del patrimonio.

Tutte le aziende qualificate come “imprenditore agricolo” possono accedere a una sorta di “concordato agricolo” indipendentemente dall’ammontare del debito e/o dal volume di affari. L’impresa agricola non è mai fallibile e quindi è sempre assoggettabile alla L 3 2012.

La L 3 2012 va raccordata con tutta la disciplina del settore. L’agricoltura gode infatti di una disciplina legislativa e fiscale specifica. In alcuni casi questa disciplina contrasta con il resto delle imprese ordinarie. Occorre sempre tenere conto delle peculiarità dell’azienda agricola in termini di produzione e mercato di riferimento.

Che vantaggi può ottenere l’azienda agricola da una procedura di sovraindebitamento?

L’azienda agricola può avere vantaggi assimilabili a quelli che l’impresa ordinaria può ottenere da una procedura di concordato. E’ possibile ad esempio bloccare l’aggressione da parte dei creditori, proponendo un pagamento parziale del debito. Il pagamento dovrà essere commisurato alle reali possibilità finanziarie dell’impresa stessa.

Nella nostra esperienza, quando parliamo di impresa agricola, il professionista del sovraindebitamento dovrà necessariamente lavorare a fianco dell’agronomo. Si tratta dell’unico soggetto che è in grado di dare una valutazione corretta sulla redditività dell’azienda e su quanto è possibile mettere a disposizione dei creditori.

Giova inoltre ricordare che il credito bancario concesso all’azienda agricola gode di una disciplina particolare del “credito agrario”. Quest’ultimo pone la banca in una posizione di forza maggiore rispetto alla procedure, con un equilibrio diverso rispetto agli altri soggetti che possono accedere alla L 3 2012.