Legge 3/2012: cos’è e chi può accedere

La Legge 3/2012 è una nuova disciplina che si pone l’obiettivo di porre rimedio alle situazioni di sovraindebitamento, definito dall’Art. n. 6 della normativa come: “la situazione di perdurante squilibrio tra le obbligazioni assunte e il patrimonio prontamente liquidabile per farvi fronte, che determina la rilevante difficoltà di adempiere le obbligazioni, ovvero la definitiva incapacità di adempierle regolarmente“.

Al fine di risolvere le soluzioni di eccessivo indebitamento, la normativa, non soltanto attribuisce al debitore non fallibile la facoltà di proporre ai creditori un piano di ristrutturazione del debito, ma introduce anche quello che potremmo definire un vero e proprio “principio di sopravvivenza”, in quanto è necessario che la proposta assicuri al debitore la dignitosa sussistenza del proprio nucleo famigliare per poter essere approvata.

Ma chi può accedere? Possono ricorrere alle procedure previste dalla Legge 3/2012 tutti i soggetti che, secondo l’ordinamento italiano non rientrano nelle disposizioni previste dalla Legge fallimentare, ovvero: dipendenti, pensionati, aziende agricole, piccoli imprenditori e professionisti.

Il debitore può ottenere che i creditori siano soddisfatti da quanto può realmente pagare: l’ammontare del debito che non può essere pagato alla fine della procedura verrà esdebitato, cioè cancellato con piena riabilitazione del soggetto che ha usufruito della Legge 3/2012.

Per ottenere l’esdebitazione, ed essere quindi libero da ogni altro debito residuo attraverso la cancellazione del proprio nominativo da tutti i registri di cattivo pagatore (quali ad esempio C.R.I.F.), il debitore deve cooperare all’efficace svolgimento della procedura fornendo con trasparenza ogni informazione e documentazione necessaria e rispettare le indicazioni che gli verranno richieste dal Tribunale durante tutta la durata della procedura.

In conclusione, la Legge 3/2012 tutela il debitore onesto e in difficoltà dal rischio di perdere tutto e di essere escluso a vita da ogni forma di attività economica, è possibile rientrare nel ciclo economico senza il fardello dei debiti e tornare a vivere serenamente un nuovo inizio per se e per la propria famiglia.

By | 2015-07-25T08:45:30+00:00 29 aprile 2015 - 12:42|Tags: , , |

About the Author:

Staff AIS
A.I.S. – Associazione Italiana Sovraindebitamento, prima associazione attiva sul tema del sovraindebitamento, e punto di riferimento per i professionisti operanti sulle disposizioni dui cui alla Legge 3/2012.